Comune di Cesano - Logo

Comunicati per l'anno
2019 2018 2017 2016 2015 2014 2013 2012    

A febbraio torna la fotografia a Palazzo Arese Borromeo con le mostre 'Quando fotografare era diverso' e 'I bianco e nero di Giuseppe Varchetta'




COMUNICATO STAMPA N. 9


Cesano Maderno,  24   gennaio 2019


La fotografia in mostre a Palazzo Arese Borromeo - Dal 2 al 24 febbraio sono due le mostre fotografiche proposte dall'Assessorato alla Cultura di Silvia Boldrini a Palazzo Arese Borromeo "Quando fotografare era diverso" e "I bianco e nero di Giuseppe Varchetta".

Curate da Corrado Mauri,  le rassegne verranno inaugurate alle 17.00 di sabato 2 febbraio e resteranno quindi aperte fino all'ultima domenica del mese ad ingresso libero: dal mercoledì al venerdì, in orario 15.00 - 18.30, mentre  il sabato e la domenica dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 19.00.


Le conferenze fotografiche - Collegate alle rassegne, saranno due anche i momenti di approfondimento sul tema fotografico, entrambi in Sala Aurora: alle 21.00 di venerdì 8 febbraio, a cura di Corrado Mauri, su "La fotografia in posa, per il bello e opera di qualità", mentre mercoledì 13 febbraio, a cura di Giuseppe Varchetta e di Corrado Mauri, sul tema  "Perché il bianco e nero. Fotografare è oltre l'esitare".

Su prenotazione, le mostre sono aperte anche al mattino per la visita delle scolaresche, chiamando il numero 340.5769670, e-mail: cormart@alice.it .


"Quando fotografare era diverso" - E' lo stesso Corrado Mauri - pittore, docente di Pittura e Storia dell'Arte, appassionato studioso di Palazzo Arese Borromeo, che ha svolto anche l'attività di fotografo professionista nell'ambito del ritratto artistico, diventando titolare dello studio fotografico Testani & Lepri, uno dei più antichi e rinomati di Milano - che, in prima persona, illustra il perché di questa mostra.


"Analizzando l'archivio rimasto in mio possesso - ha dichiarato -, mi è sembrato significativo metterne il valore storico ed artistico a disposizione della cittadinanza.  Le fotografie vanno dai primi del '900 sino agli anni '80, da cui deriva il titolo della mostra che presenta una particolare e vasta galleria di ciò che il ritratto "in posa" è stato per quel periodo.

Viene illustrata soprattutto l'alta professionalità che questa specifica produzione artistica richiede: analisi del soggetto e conseguente messa in posa, con scelte opportune dell'abbigliamento, studio dell'illuminazione, quale prima fase. Poi era fondamentale la precisa e puntuale lavorazione di sviluppo e stampa in camera scura, con le notevoli possibilità offerte, allora, dalle numerose preparazioni chimiche dei vari bagni per sviluppi e viraggi, ma anche dai tipi di carte fotografiche a disposizione. Non meno importante era il raffinato "ritocco" fatto prima sui negativi a lastra, poi su ogni singolo ingrandimento e questo ovviamente richiedeva delle qualità e capacità pittoriche specifiche.

Tra le opere esposte, ritratti storicamente importanti eseguiti da Giuseppe Testani (fondatore dello studio) ai partecipanti della Conferenza della Pace di Parigi nel 1919".


"I bianco e nero di Giuseppe Varchetta" - Ovviamente, le possibilità espressive nella fotografia sono amplissime e così, per avere anche un necessario ed opportuno confronto, Mauri propone nella mostra una sezione dedicata a "I bianco e nero di Giuseppe Varchetta", psico-socio-analista che sviluppa e stampa con un lavoro, praticamente, di simbiosi gli scatti da oltre trentacinque anni.

"Varchetta ha sempre fotografato cogliendo l'attimo particolare, un'espressione momentanea, un comportamento naturale ed istintivo delle persone in momenti pubblici o in specifico nelle Mostre di Arte Contemporanea" - ha concluso Mauri.