Comune di Cesano - Logo

Demografici - Stato Civile


Gli eventi di nascita, matrimonio e morte, avvenuti sul territorio di Cesano, vengono annotati negli appositi registri di Stato Civile. Pertanto chi ne avesse bisogno può fare richiesta direttamente allo sportello dell'ufficio.


La cittadinanza è l'appartenenza di un cittadino ad uno Stato che si acquisisce per diritto di sangue, per cui il figlio nato da padre italiano o da madre italiana è italiano.
Attualmente, la cittadinanza italiana è regolata dalla legge n. 91 del 05/12/1992.


La cremazione in Italia è un servizio pubblico a domanda individuale, soggetto a tariffa ministeriale.
Il cittadino che ne voglia usufruire deve manifestare in modo inequivocabile la volontà di essere cremato. 


La dichiarazione di morte deve essere effettuata entro 24 ore dal decesso presso l'Ufficio di Stato Civile.


Quando nasce un bambino, deve esserne denunciato l'evento al fine della sua annotazione nei registri di Stato Civile.


La celebrazione del matrimonio civile é regolata dal Codice Civile (art. 84 e seguenti).


I registri di stato civile contengono gli atti di nascita, matrimonio, morte e cittadinanza suddivisi per anno. Detti registri esistono dal 1866; negli anni precedenti, gli eventi (battesimi, matrimoni e decessi) erano registrati esclusivamente nei registri parrocchiali.
Non serve ricerca storica nei seguenti casi:

- l'anno dell'evento è conosciuto, per cui basta presentare la richiesta di certificato, estratto o copia integrale;

- l'evento si è verificato prima del 1866, per cui occorre rivolgersi alla Parrocchia;

- l'evento si è verificato dopo il 1985, anno dal quale gli atti sono registrati nell'archivio informatico, dal quale si può emettere la certificazione solo con Cognome e Nome.



 
Dal 31 gennaio 2018 ogni persona maggiorenne, capace di intendere e volere, in previsione di un’eventuale futura incapacità di autodeterminarsi, dopo aver acquisito adeguate informazioni mediche sulle conseguenze delle sue scelte, può attraverso le Disposizioni anticipate di trattamento (D.A.T.) "esprimere le proprie volontà in materia di trattamenti sanitari nonché il consenso o il rifiuto rispetto ad accertamenti diagnostici o scelte terapeutiche e a singoli trattamenti sanitari" (Legge n. 219/2017)



La pubblicazione di matrimonio deve essere richiesta all'ufficiale di Stato Civile del Comune dove ha la residenza uno dei nubendi (futuri sposi), ove sarà affissa per 8 giorni, più 3 giorni di deposito in ognuno dei Comuni di residenza degli stessi ed avrà validità di 180 giorni.



La separazione è un istituto previsto dal Codice Civile, prodotto dalla riforma del diritto di famiglia, attraverso il quale si determina la sospensione di taluni doveri nascenti dal matrimonio quali: l'obbligo di fedeltà, la collaborazione e la coabitazione.
La riconciliazione è la riappacificazione di due coniugi già separati.

Ultima modifica: 18.04.2018