Registro degli atti liberatori relativi alle aree allagabili - Comune di Cesano Maderno

Amministrazione Trasparente | Informazioni ambientali | Registro degli atti liberatori relativi alle aree allagabili - Comune di Cesano Maderno

Registro degli atti liberatori relativi alle aree allagabili

In ordine alla tematica della gestione del rischio di alluvioni rispetto alle richieste di sicurezza sempre più elevate del territorio e della popolazione residente, con d.g.r. n. X/6738 del 19.6.2017 sono state approvate le nuove indicazioni operative concernenti  l’attuazione del Piano di Gestione del Rischio di Alluvioni (PGRA) e l'adozione definitiva del progetto di variante normativa al Piano stralcio per l'Assetto Idrogeologico del bacino del fiume Po (PAI).

Si rende conseguentemente noto che con determinazione n. 161/E del 23.10.2017 vengono fornite le nuove indicazioni operative conseguenti alle disposizioni regionali concernenti l’attuazione del PGRA e viene istituito il registro degli atti liberatori (consultabile a fondo pagina), che i soggetti attuatori di interventi ricadenti all’interno delle aree allagabili sono tenuti a sottoscrivere per escludere ogni responsabilità dell’Amministrazione pubblica in ordine a eventuali futuri danni a cose e a persone comunque derivanti dai fattori di pericolosità idraulica e idrogeologica.

Nell'elaborato grafico predisposto ed allegato alla determinazione sopra richiamata è stata puntualmente cartografata la "Rappresentazione delle aree a diversa pericolosità e rischio" (suddivise tra reticolo principale di pianura e reticolo secondario di pianura), così come desunta dal GEOPORTALE della Lombardia - Servizio di mappa - Mappe di pericolosità e rischio - Direttiva alluvioni 2007/60/CE - Revisione 2015 e sul quale sono stati individuati:

  • le aree allagabili per i diversi tempi di ritorno (da P1 a P3);
  • le aree e gli elementi per le diverse classi di rischio idraulico (da R1 a R4);
  • il centro edificato ex art. 18 della L. n 865/1971, così come desunto dagli atti costituenti il PGT vigente.

Per ogni ulteriore approfondimento si rimanda al sito istituzionale di Regione Lombardia e dell'Autorità di Bacino del fiume Po.

Consulta, di seguito:

Pubblicato il
Aggiornato il
Risultato (1536 valutazioni)